Press kits


You can view the full collection here:



Instagram feed






News feed


Mark Hachem - Istanbul

19 September 2018

CONTEMPORARY ISTANBUL





Preview | Wednesday | September 19th | 4 – 9 pm

Exhibition
Thursday, September 20, 2018
12:30 – 8 pm

Friday, September 21, 2018
11 am – 8 pm

Saturday, September 22, 2018
11 am – 8 pm

Sunday, September 23, 2018
11 am – 7 pm

 

LOCATION
Harbiye in Sisli district of Istanbul

For passes,
please email us at : paris@markhachem.com

PRESS RELEASE

Mark Hachem Gallery is pleased to announce its exhibition at Contemporary Istanbul. We will be exhibiting the works of artists including Stefano Bombardieri, Yves Hayat, Wolfgang Stiller, Mauro Corda, Omar Hassan, Son Seock, Isabell Beyel, Michelangelo Bastiani and Jean-Paul Donadini. We welcome all art lovers, collectors, artists and art dealers to join us booth A1-107.

For more information visit www.markhachem.com

Sky Sport

25 May 2018

Omar Hassan, l'arte in pugno: nato per combattere


Leggi su Sky Sport l'articolo Omar Hassan, l'arte in pugno: nato per combattere
CLICK HERE TO READ FULL VERSION

omar-hassan-sky-sport-HD

RAI Cultura Arte

06 Apr 2018


Omar Hassan, pittore con una vena performativa, ha 30 anni e già una carriera artistica avviata a livello internazionale. Dipinge con pennelli, bombolette spray e persino con i guantoni da boxe, e non solo su tela, ma anche su riproduzioni della Nike di Samotracia o sui tappi delle bombolette spray.
CLICK HERE TO READ FULL VERSION

REPUBBLICA.IT

13 Oct 2017

BIENNALE VENEZIA 2017

17 Jun 2017

BREAKING THROUGH FEAT. FANGA

24 Jan 2017

VIVERE, N. 105

24 Jan 2017

CORRIERE DELLA SERA

25 Ott 2016

BREAKING THROUGH MILAN 2016

18 Ott 2016

A cura di Luca Beatrice

Performance con Saturnino Celani

Presentato da Gianni Maimeri per Fondazione Maimeri in collaborazione con Contini Art UK al M.A.C di Milano

Regia Video Raba Graphics

Ringraziamenti:

Gianni Maimeri
Cristian Contini
Luca Beatrice
Saturnino Celani
Contini Art Uk
Fondazione Maimeri
M.A.C Musica Arte Cultura
Alessandro Arba Raba graphics & Team Video
Mara Gavazzi
Vincenzo Di Bona

BREAKING THROUGH MILANO 2016

20 Sett 2016

Omar Hassan - Breaking Through Milan
Curated by Luca Beatrice

Exhibition runs :
29 September 2016 - 9 October 2016
Opening hours 14:30-19:00
Opening event 28 September at 18:30
M.A.C. - Milano
Piazza Tito Lucrezio Caro, 1
+39 348 2253405

Omar Hassan has the pleasure to invite you to the opening night of his solo
exhibition Breaking Through Milan. The exhibition is in collaboration with
the prestigious art foundation Maimeri and curated by Luca Beatrice.

The opening night will also feature a one-off live performance of the artist,
in collaboration with musician Saturnino Celani.

ARTE 2016 INTERVIEW

13 Apr 2016

Lots of news since Omar Hassan has been nominated as one of the finalists for the Cairo Prize ( Premio Cairo Editore) back in October 2015! He has then been part of a major event during Miami Basel and just in case you did not get the chance to read the article about Omar Hassan in March 2016 issue of Arte , Italy's leading art magazine, here is a copy. In the most recent news Hassan's works were on display at the first edition of the International Art Fair in Warsaw. Another very exciting news for Hassan , he has been selected as one of the 19 artists for the Henraux Foundation International Sculpture Award . On the ending note , this fall Hassan will hold a solo exhibition in New York , details to come so as we say watch this space... CLICK HERE TO READ FULL VERSION

WIRED

09 Apr 2016

Sul tavolino dello studio passaporto, posacenere e un libro sulla vita di Michelangelo Buonarroti. “Leggilo, te lo consiglio“. Omar Hassan ha 29 anni, madre italiana padre egiziano. Capisci che è un pugile appena lo guardi: è un metro e novanta per ottantuno chili di peso. Viene da Lambrate, periferia est di Milano, e pendola tra Londra, Miami e Pioltello, poco lontano da dove è cresciuto. Qui ha il suo spazio di lavoro: bombolette, tele, telai, statue di Venere. C’è colore dappertutto, schizzi fin sulle sue scarpe e sul computer portatile. Perché Omar è anche un pittore. Per farsi un’idea, un quadro di Hassan vale dai 7mila ai 35mila euro. Una scultura dagli 8mila ai 40mila euro. Lo sanno all’estero: nella sua galleria, la Contini Art Uk a Londra, lo scorso anno c’è stata la prima delle performance Breaking through, in cui Omar boxa con la tela. Poi un’altra a Miami. Le prossime sono previste in autunno a New York e Houston. “Le opportunità le ho trovate fuori.

READ MORE ON WIRED.IT

STYLE.COM

23 Mar 2016

At 6 feet, 3 inches tall and boasting a boxer’s powerful physique, Omar Hassan is a fine artist who radiates instant star quality. The son of an Egyptian father and Italian mother, his creative talent has him on a fast-track to the international art scene. Style.com/Arabia caught up with the artist in London to talk about his passions, inspirations, and dreams in color. Parallel to his artwork, Hassan trained as a boxer with the drive to become a professional sportsman. But this ambition was curbed when he was diagnosed with Type 1 diabetes. This affliction however, would later drive him to shape his artistic trademark⎯the dot.

READ MORE HERE

TERRIBLE TWO

28 Feb 2016

Whilst sauntering the over familiar streets of Mayfair mews in the heart of the almost grey London, I came across Contini Art Gallery in the ides of November. The colossal HOPE by American Artist Robert Indiani invited me to the modern art gallery. The Prepared disposition of work didn’t startle me, but there was more to Omar Hassan. The boxing glove dripped in paint was shot by my SLR camera and a year later I found him. I call it Serendipity. The half Italian- half Egyptian grew up in Milan boxing, though destiny had something else in store for him.

READ MORE HERE

IL FATTO QUOTIDIANO

10 Feb 2016

Pugni, violenti e precisi. Tecnici. Raffiche di montanti, diretti e jab, che si schiantano su tela carichi di vernice colorata. Il risultato è un’opera d’arte fatta di decine e decine di cerchi colorati, impronte di guantoni che colano fino ai piedi della tela come sudore che fluisce sul volto di un pugile sul ring. Si chiama “breaking through” la forma d’arte che Omar Hassan, 28enne milanesedalle mani di piombo e il sorriso lucente ha ideato dopo una vita nel segno del pugilato e della pittura. “Breaking through”, letteralmente: “rompere attraverso”, eppure i suoi pugni più che demolire, creano: “è una metafora: abbattere le barriere artistiche attraverso la boxe”, spiega Omar. Nato da madre italiana e cristiana e padre egiziano e musulmano, che hanno generato in lui una dicotomia esistenziale e artistica, e che non finirà mai di ringraziare perché “grazie a loro ho una visione più ampia delle cose, che si riflette anche nella mia arte”, Omar ha cominciato imbrattando muri e treni in corsa con tag e murales accompagnando amici writers della zona est di Milano, dove è cresciuto e si è formato più come uomo che come artista, perché “quell’adrenalina che spingeva i miei amici a dipingere non mi coinvolgeva, non faceva per me”. Quei fuggevoli spruzzi di bomboletta non erano abbastanza, Omar voleva di più. E la vocazione artistica che sentiva dentro scalciava sempre più forte, ma non voleva venire fuori in maniera clandestina, voleva essere cullata e cresciuta con amore e dedizione. Poi la morte di Marco,fratello di quartiere travolto da uno dei tanti treni che dipingeva, ultima fermata di una vita all’insegna del rischio. Un diretto al cuore che manda Omar al tappeto. Ma quel dolore così inaspettato e lacerante si trasforma in spinta decisiva per partorire la sua arte: “sentivo che gli dovevo qualcosa, gli ero riconoscente”....

READ MORE HERE

MIAMI HERALD

13 Dec 2015

Former world-class boxer turned artist astounds Miami’s Art Basel elite with flying paint and flying GoPros to raise money for diabetes research and his own fight against the disease. Egyptian/Italian Omar Hassan gave his first U.S performance at the St. Regis Hotel in Bal Harbour Thursday night to a crowd of some 400 art lovers there to see him create one of his “Breaking Through” art pieces. Works by the urban pop artist known in Europe for his depictions of his “insulin dots” sell for $20-55 thousand dollars. Money raised from the painting and party Thursday will go toward diabetes research. Howard Rosenbaum Contemporary

READ MORE HERE

ART MIAMI

24 Nov 2015

BREAKING THROUGH MIAMI

23 Nov 2015

CAIRO EDITORE ART PRIZE

24 Ott 2015

CONTINI ART UK

13 Apr 2015

CONTINI ART UK - PRIVATE VIEW

26 Mar 2015

OMAR HASSAN
Breaking Through
Catalogue Forward by Cedar Lewisohn
ContiniArtUK
105 New Bond Street
London W1S 1DN

Private View:
Friday, 24 April 6pm - 8pm
RSVP: andrea@continiartuk.com
Exhibition runs:
24 April 2015 – 10 June 2015

www.continiartuk.com

ROSENBAUM CONTEMPORARY MIAMI

14 Mar 2015

Rosenbaum Contemporary Group Exhibition with: Omar Hassan, Helidon Xhixha, Damian Hirst, Robert Indiana, Bert Stern and more. Rosenbaum contemporary , Bal-Harbour march 1, 2015 march 31 2015.

READ MORE HERE

MIAMI ARTWYNWOOD 2015

16 Feb 2015

ART STAGE SINGAPORE

20 Dec 2014

MUSEO RAVENNA

17 Sett 2014

L’evento, organizzato all’interno dell’edizione speciale di Ravenna Mosaico, primo Festival Internazionale di Mosaico Contemporaneo, è una mostra che mette in scena opere d’arte contemporanea legate all’estetica del mosaico. Attraverso i lavori di artisti under 40 i curatori rileggono le forme e i modi di un linguaggio a cui Ravenna deve buona parte della sua fama. Il progetto Eccentrico Musivo nasce, a fine 2013, con l’intento di sondare quei territori plurimi dell’arte contemporanea dove è possibile individuare forme e modi musivi. L’estetica del mosaico viene assunta come cifra stilistica dominante, con l’obiettivo di accostare, le une alle altre, opere che sono musive con tutta evidenza e opere che lo sono in minor misura, opere che affondano le loro radici nell’eredità che Ravenna custodisce, e opere che condividono con il mosaico margini più o meno estesi di sovrapposizione.

Uno sguardo allargato in cui la tradizione mostra le sue mutazioni e le sperimentazioni trovano inedite chiavi di lettura. Se musivo è ciò che è costituito dall’assemblaggio di singoli elementi, nella contemporaneità complessa e sfaccettata in cui siamo immersi, i frammenti possono essere i marmi, le pietre e i vetri della tradizione, ma anche i materiali plastici e sintetici più recenti; possono essere leggeri e delicati come la carta o inediti, ma simbolici oggetti di produzione industriale. L’esito è una mostra di ventisei opere - scelte dai curatori Linda Kniffitz e Daniele Torcellini con la collaborazione di una Commissione Scientifica presieduta da Claudio Spadoni e composta da Maria Rita Bentini, Maria Grazia Marini e Leonardo Pivi - che coinvolgerà i visitatori in un articolato e inedito percorso di riscoperta delle multiformi possibilità espressive che il processo musivo oggi può dispiegare. Gli Artisti invitati: Andrej Koruza, Gaia Carboni, Giulia Ricci, Matija Côp, Michael Gambino, Primisaurion (Emilio José Gomez), Jae Hee Kim, Dora Bartolomei, CaCO3, Andrea Poma, Leonardo Rota Gastaldi, Francesca Pasquali, Samantha Holmes, Sergio Policicchio, Giorgio Tentolini, Raffaella Ceccarossi, Luca Barberini, Blue and Joy, Dušan Čežek, Omar Hassan, Orodé Deoro, Takako Hirai, Silvia Naddeo, Roberta Grasso, Benedetta Galli, Matylda Tracewska. Alcuni di loro rielaborano e trasformano la tradizione musiva - ravennate in particolare - con esiti profondamente originali e molto diversificati. Luca Barberini tratteggia con una manciata di tessere teatrini quotidiani ma anche note iconografie della classicità pittorica. Il gruppo CaCO3 si muove invece su serrate dinamiche formali, con esiti di tipo optical. Sergio Policicchio polverizza i suoi materiali condensando il concetto del tempo nei volti ritratti. Silvia Naddeo, rilegge in chiave musiva una quotidianità culinaria, fatta di farine, uova e dolcetti, che non ha più nulla di commestibile. Takako Hirai scava nei marmi alla ricerca delle loro vene naturali. Altri artisti provengono da una formazione e da percorsi di ricerca molto differenti tra loro, e distanti dalla tradizione del mosaico, ma con il linguaggio musivo possono avere molti punti di contatto. Il giovane fashion designer Matija Čop, è presente con un abito componibile: pagina 3 di 3 un’addizione di moduli/tessere sintetiche, piccoli monoliti uniti a incastro. L’artista con quest’opera ha collaborato con Lady Gaga per il video musicale di G.U.Y.. Dušan Čežek, che proviene dal mondo del web design e della grafica, compone GIF animate, in stile 8-bit, con le sue tessere in movimento. Giulia Ricci si dedica a una personale grammatica ossessiva del disegno a pattern. Francesca Pasquali inganna la percezione visiva con assemblaggi di cannucce da bibita. Orodè Deoro rilegge i modi dell’intarsio con tessere di ceramica ritagliata. Blue and Joy crea mosaici con capsule farmaceutiche, emblema significativo dei nostri malesseri. I progetti di riscoperta del mosaico portati avanti da Giuseppe Bovini a metà del secolo scorso, con il coinvolgimento di Giulio Carlo Argan; la nascita di un Centro Internazionale di ricerca per il mosaico, sezione del Museo d’Arte della città; il Festival del Mosaico Contemporaneo RavennaMosaico, giunto lo scorso anno alla sua terza edizione; e non ultimi i Monumenti Unesco della città e le scuole di formazione (Liceo Artistico Statale Nervi-Severini e Accademia di Belle Arti), testimoniano quanto a Ravenna la tradizione della tecnica musiva sia sentita e determinante. Un osservatorio ideale di un’estetica musiva che, sulla scena artistica e nella cultura visiva contemporanee, è presente e gioca un significativo ruolo. La mostra si pone in stretta continuità con un’iniziativa in corso da alcuni anni, il premio internazionale GAeM Giovani Artisti e Mosaico, nato nel 2010 in seno al Centro Internazionale di Documentazione sul Mosaico del MAR, con l’obiettivo di stimolare le ricerche di giovani artisti intorno alle logiche costitutive, formali e poetiche del linguaggio musivo. La mostra è corredata da un Catalogo con testi di Maria Grazia Marini, Linda Kniffitz, Daniele Torcellini, Maria Rita Bentini, Leonardo Pivi.


Mar - Ufficio relazioni esterne e promozione
Francesca Boschetti - Nada Mamish
tel +39 0544 482017 – 482775
fax +39 0544 212092
ufficio.stampa@museocitta.ra.it

MONTESEGALE

17 Jul 2014

CORRIERE DELLA SERA

17 Jul 2014

L’opera, donata al comune di Montesegale dal giovane artista milanese Omar Hassan, vuole sensibilizzare le persone sull’importanza di fermarsi ad ammirare la Natura
Di Maria Egizia Fiaschetti

@ Produzione Riservata - Corriere della Sera

Un luogo contemplativo. Di decompressione. Dove rallentare il battito, aprire i polmoni, riposare lo sguardo: per riconciliarsi con la Natura. Nasce da una suggestione — la vertigine, bella e sublime, oltre il precipizio — l’idea del giovane artista milanese Omar Hassan (www.omarhassan.biz), 27 anni, padre egiziano e madre italiana: collocare un panchina in quel punto per ricordare l’importanza di fermarsi non solo agli abitanti di Montesegale, piccolo borgo dell’Oltrepo pavese, ma anche ai visitatori di passaggio. L’opera, non a caso, si intitola «Dolce far nulla»: un invito a riscoprire il valore del tempo psichico, del vuoto, troppo spesso risucchiati nel vortice dell’efficienza, della performance, dell’ottimizzazione. Un’opera concettuale, «per sensibilizzare le persone — spiega Hassan — a soffermarsi sulle cose belle perché, mentre tutto scorre troppo velocemente, si rischia di perderle». La sua panchina, con lo schienale punteggiato di spruzzi gocciolanti di mille colori (tra la spray art e il dripping), vuole essere questo: Il medium tra me e il pubblico. Un po’ siepe leopardiana (oltre il panorama della valle, ognuno può dare libero sfogo all’immaginazione), un po’ otium ciceroniano. Conquistato del genius loci Ed ecco che il nulla «si riempie di altro, solo per il semplice fatto di sedersi lì, godersi la vista e ascoltare le proprie emozioni». Gli abitanti come hanno accolto il lavoro? «Il colore vince sempre su tutto», assicura Hassan che, dopo aver visitato in inverno il castello di Montesegale, è rimasto rapito dal genius loci. A esprimere il sentire comune — per ora, l’intervento sembra mettere tutti d’accordo — è il sindaco del paese: «Ho accettato volentieri la proposta di Hassan – così Carlo Ferrari — perché valorizza il particolare paesaggio del comune.Voglio ringraziarlo per la generosità dimostrata nel donare a Montesegale questa splendida opera che si impone per il forte richiamo alla natura». Dopo l’inaugurazione della sua prima panchina (il 20 luglio alle 11), l’artista pensa già a collocarne altre in Italia e non solo. Rappresentato dalla galleria Contini Uk, Hassan si divide tra Londra e Milano. Diploma all’Accademia di Brera («Ho studiato con Alberto Garutti»), tirocinio come assistente di galleria in diversi spazi milanesi, ammette: «Vivere da artista è molto difficile, ma se si ha la volontà di farlo ci si può riuscire».

READ MORE HERE

CONTINI ART UK

01 Jun 2014

ART STYLE

08 Jan 2014

SAVE THE DATE

10 Dec 2013

Inaugura il 12 dicembre e chiude l\'anno 2013 la terza e penultima mostra organizzata da Fabbrica Eos per celebrare questi 20 anni di attività dedicati all\'arte contemporanea e ai giovani artisti emergenti. Dopo la personale di Corrado Levi e la collettiva dedicata agli artisti della fotografia, è la volta di \"20 anni o 5 minuti - di materia I\".

Numerosi e diversi gli artisti che negli anni hanno collaborato con la galleria e altrettanto eterogenee le opere realizzate; difficile dunque catalogarle sotto una stessa etichetta, se non con il titolo \"Materia\", concetto con cui si è cercato di abbracciare tutte le realizzazioni possibili: oltre alla pittura su tela e alla scultura in bronzo e in altri metalli, tutta la pittura su supporti più ricercati, le opere dipinte con strumenti meno \"canonici\" e soprattutto quelle opere fatte e assemblate mediante il ricorso a materiali moderni o inconsueti: dalla resina agli elementi della natura, dal cartone ai manifesti, dalla plastica al pane, fino alle installazioni. Ventuno gli artisti coinvolti e di cui saranno esposte sia le opere di alcuni anni fa sia quelle di nuova realizzazione, le loro opere \"con Fabbrica Eos\" e create \"dopo Fabbrica Eos\".

Gli artisti che esporranno in questa prima delle due mostre collettive \"Di Materia\" sono:

GIAMPIERO BODINO, CARLO CALDARA, MARCELLO CHIARENZA, JOSÈ D\'APICE, FRANCESCO DI LUCA, MANUEL FELISI, ENZO FIORE, ANDREA FRANCOLINO, FABIO GIAMPIETRO, ROBERT GLIGOROV, DARIO GOLDANIGA, FEDERICO GUIDA, OMAR HASSAN, IGORT, GIUSEPPE MASTROMATTEO, PIERLUIGI PUSOLE, DAVID REIMONDO, MIMMO ROTELLA, GIOVANNI SESIA, TROILO, BRUNO ZANICHELLI FABBRICA EOS

P.zza Baiamonti, 2
20154 Milano
Tel. 02/6596532
E-Mail: info@fabbricaeos.it

QUI BERGAMO

19 Nov 2013

MOSTRA-MI.IT

29 Ott 2013

Mostrami rappresenta la giovane arte contemporanea.
La nostra community è formata da giovani artisti e non possiamo che fare il tifo per tutti i giovani talenti emergenti!

Omar Hassan, anno 1987, è proprio un buon esempio di “giovane talento”.
Omar è nato a Milano, dove vive e lavora ed è diplomato in Pittura presso l’Accademia delle Belle Arti di Brera.

L’abbiamo intervistato per voi!

Se dovessimo presentarti come artista in 3 parole di te dovremmo dire..
Credo di essere un artista con i piedi per terra ma la testa per aria..

Qual è la tua tecnica?
Principalmente utilizzo le bombolette spray con smalto al nitro, ma per quanto riguarda le sculture spazio tra gesso e bronzo. Cerco comunque di non limitarmi ad una tecnica.

Cosa ti stimola creativamente?
Sono stimolato da tutto ciò che ci circonda, ma sicuramente la vista della natura aiuta molto, il mare sopratutto, credo allarghi i sensi di chiunque.

Un personaggio/un riferimento nel mondo dell’arte italiana che stimi e apprezzi, perché?
Ci sono tante persone che stimo e apprezzo, ma su tutti credo di poter dire Garutti.
Alberto Garutti è stato mio Maestro in Accademia e penso che le sue opere concettuali riescano proprio a toccare la sensibilità di chiunque le incontri.

L’artista o gli artisti del passato che prediligi? Perché?
Anche qui l’elenco sarebbe troppo lungo, ma devo dire che il mio artista preferito è Jackson Pollock per il suo gesto pittorico rivoluzionario rispetto ad un tempo, il suo, dove una “secchiata” di colore non veniva molto considerata “arte”. Poi ci sono Manzoni, Basquiat, e tanti altri, tantissimi…

Adesso qualche domanda sui giovani artisti come te:

Un consiglio spassionato da giovane artista a giovane artista: quale l’ingrediente fondamentale?
Credo che l’ingrediente fondamentale sia saper difendere il proprio lavoro in ogni occasione. Dall’amico che non si occupa d’arte e non ne capisce molto perchè non segue, al gallerista o al critico piu importante, bisogna sempre essere in grado di difendere il proprio lavoro, la propria opera…se stessi.
Il primo passo da compiere nel mondo dell’arte?
Per quanto mi riguarda il primo passo l’ho fatto iniziando a lavorare durante i miei studi in Brera in alcune gallerie, come assistente, allestitore, per iniziare a respirarne un po’ d’aria.
Poi ovviamente bisognerebbe girare le fiere e le mostre .. e farlo con passione.

Cosa un giovane artista non dovrebbe MAI fare?
…quello che gli viene detto di fare!

C’è una domanda che non ti abbiamo fatto e che avresti voluto trovare in questa intervista?
Si c’è…qual’è il pensiero della tua opera?

Parliamo ora del tuo ultimo progetto: Battuta d’arte#2 con Sim-patia. Di cosa si tratta?
Si tratta di un progetto a scopo benefico per l’associazione sim-patia, un’associazione che si occupa di persone con gravi handicap motori.
Verrà battuta un’asta con 50 sedie d’artista il cui ricavato andrà devoluto interamente allassociazione.

Le 50 sedie d’artista saranno esposte alla Triennale di Milano fino al 4 Novembre 2013 e l’asta si terrà il 10 Novembre a Palazzo Terragni a Como.

Complimenti ad Omar e ….forza giovani talenti!

TRIENNALE DESIGN MUSEUM

23 Ott 2013

ART VERONA

07 Ott 2013

STREET ART LONDON

16 May 2013

E' stato pubblicato un catalogo sulla Street art londinese. Molte immagini dei lavori che animano la capitale britannica. Opere degli artisti piu famosi della scena Street,come: Banksy, Obey, Roa, Space invader, Swoon, Mr.Brainwash,Stik, Tilt e ......Omar Hassan Ecco il link se si desidera acquistare il libro.


Street Art London [hardcover]

ART FACTORY CATANIA

13 May 2013






BOLOGNA ARTE FIERA

11 Jan 2013






ART VERONA

17 Ott 2012




All'ingresso della fiera troverete anche l'artista italo-egiziano Omar Hassan impegnato nella nuova performance interattiva Spruzzate con tutti i colori! Dopo l'installazione permanente davanti al Museo della Mille Miglia a Brescia, la personale alla Musashy Gallery di Tokyo nel 2009 e l'ultima Biennale di Venezia, Hassan porta ad ArtVerona la vivacità delle sue macchie colorate. Quest'opera è composta da mille spruzzi multicolor; ognuno rappresenta un'espressione vitale individuale e la base dell'alfabeto espressivo gioioso e vitale dell'artista che invade ogni superficie con una rapida successione di spruzzi di bomboletta spray. Ognuno è portato ad identificarsi in un pallino in mezzo alla molteplicità di queste piccole estensioni cromatiche che assumono un respiro universale, emanando un'energia vitale contagiosa. Vi aspettiamo numerosi!!




STREETSCAPE

05 Ott 2012




Gioia di vivere, colore, un'entusiasmante sintesi formale del gesto da cui trae origine la street art: lo spruzzo della bomboletta. Questi sono i caratteri salienti dell'arte dell'artista italo-egiziano, Omar Hassan. Una riduzione inedita composta da mille spruzzi colorati che, dopo essersi distinta alla 54° Biennale di Venezia e alla Musashy Gallery di Tokyo nel 2009, conquista anche Milano nel 2011 investendo della sua energia anche i muri del Corridoio Presidenziale del Palazzo della Regione Lombardia con l'opera One wall. Questa sintetizzazione proviene dalla sua appartenenza alla tradizione culturale islamica fortemente propensa alla stigmatizzazione del simbolo calligrafico in segno e tesa verso un'essenzialità purissima e aniconica che si pone in netta contrapposizione con la cultura occidentale, figurativa e legata all'immaginario del potere e della devozione popolare. In questa astrazione del gesto dello spruzzo come action painting tutta compresa nella velocità inafferrabile dell'attimo, viene rielaborato in un linguaggio contemporaneo il ritorno alle forme pure e originarie della rappresentazione delle ricerche avanguardistiche del Novecento.



JAB! JAB!

12 Jun 2012




Chi è Omar Hassan? Lo abbiamo scoperto chiacchierando con lui in occasione della sua mostra personale “Jab, jab!” che si tiene presso Colossi Arte Contemporanea dal 26 maggio al 4 luglio, Brescia.

Intervista di Chiara Mariani per shdnsm.com



CHI SPADELLA STASERA?

11 Jun 2012




Nell'ambito del progetto "mangia con gusto dona 1 sorriso" promosso dall’Hostaria Trattoria “La torre di porta bruciata”, per ogni coperto dal 1 giugno al 30 settembre verrà donato un euro “all’associazione bambino emopatico” A.B.E. Il progetto è sponsorizzato da Gsport, Abe&friends e la cantina di vini della Franciacorta “Le due querce”. Da questo progetto nasce “la torre di A.B.E.” che sosterrà l’associazione nell’importante impegno dell’assistenza delle famiglie e dei bambini ricoverati nel reparto di Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale Civile di Brescia. Siamo lieti così di presentare "Chi spadella stasera?", appuntamento che, a partire da martedì 12 giugno, vedrà una serie di personaggi noti della realtà bresciana, e non solo, impegnati dietro i fornelli di Torre di Porta Bruciata a creare piatti per i commensali della serata. Una giuria, dopo aver effettuato gli assaggi, esprimerà un giudizio sull’impegno e sulla qualità dei piatti cucinati e i cuochi verranno premiati con un simpatico ricordo. La partenza di questo grande evento è fissata per la serata del 12 giugno: i primi ad affiancare “Il grande chef” Mario Fraschini saranno il capitano del Brescia Marco Zambelli e il grande amico, compositore e cantante, bresciano Omar Pedrini, che proprio in questa serata inaugurale vestiranno i panni di “chef allo sbaraglio” diventando i veri protagonisti con i loro piatti preferiti… Mentre nelle serate successive, ci sarà la possibilità di vedere con grembiule e cucchiaio altri famosi personaggi molto vicini agli amici Alberto e Mario, gestori del ristorante, e all’Associazione. Sempre nella serata del 12 giugno l’artista Omar Hassan, dopo la Biennale di Venezia e la recente mostra a Tokyo, sarà con noi per una sua coinvolgente performance dove il pubblico sarà protagonista.



JAB, JAB!

26 May 2012




"Jab, Jab!", colpo su colpo. Come avviene nella boxe, l'artista infila una rapida successione di colpi di spruzzi di bomboletta che invadono tutto con l'energia vitale dellorodinamismo, irrompendo ovunque con la molteplicità delle macchie di colore colante che ne derivano e creando un nuovo alfabeto espressivo. Questo innovativo codice stilistico rappresenta la sintetizzazione estrema dell'azione da cui trae origine la poetica della street art: lo spruzzo colorato. Le piccole estensioni cromatiche imbrattano tutto, dalle tele alle cornici, ai muri stessi, con uno slancio creativo che diviene universale e coinvolge l'umanità tutta.



L'ARTE NON E' COSA NOSTRA

17 Dec 2011






H.O.2

15 Dec 2011




OMAR HASSAN
“H.O.2”
A CURA DI IVAN QUARONI

Milano, dal 15 dicembre 2011 al 28 gennaio 2012

FABBRICA EOS

Piazzale Baiamonti, 2 Milano Tel. 02 6596532
www.fabbricaeos.it - email: info@fabbricaeos.it
orari: da martedì a sabato 10.00-13.00; 16.00-19.00

Ingresso libero



LAVORI IN CORSO

28 Feb 2011